Abbiamo 67 visitatori e nessun utente online

L’accogliente Aula Magna della Scuola Comunale di Musica di Mondovì lo scorso 3 novembre ha ospitato la prima delle tre giornate della Sessione Autunnale del Convegno AICC dedicato a “I mondi della follia”, in collaborazione con A.P.I.C.E., Liceo Statale Vasco-Beccaria-Govone, Centro Studi Monregalesi e’Associazione Culturale “Gli Spigolatori” e col patrocinio della Città di Mondovì.

Il pomeriggio  è stato aperto dal Dirigente Scolastico del Liceo, Prof. Bruno Gabetti, che ha voluto sottolineare come  -  accanto alla follia che solitamente caratterizza il male, le guerre, le idee instillate per godere della sofferenza altrui, quando pone la mente in una sorta di gabbia, quando conduce all’odio -  esista anche una follia buona, “egregia”, fatta di emozioni che permettono di avere consapevolezza di non volersi omologare e conservare con coraggio, la forza e la sicurezza di esprimere le proprie idee.

Il Prof. Stefano Casarino, dopo aver rivolto i ringraziamenti alle autorità presenti, ha illustrato come gli incontri che si terranno nel mese di novembre si focalizzeranno sul mondo della filosofia, delle letterature sia italiana che tedesca, e della storia. Ed è proprio la storia, la storia contemporanea, il palcoscenico nel quale si è mosso il primo incontro che ha visto affrontare le tremende follie del nazismo e delle guerre bosniache attraverso una attenta analisi realizzata dal Prof. Ennio Desderi, docente di Lettere Classiche al Liceo Pellico-Peano di Cuneo, dal Dr. Franco Chittolina, Presidente di A.P.I.C.E., e dalla Dr.sa Kanita Foçak, preziosa testimone di quegli orrori compiuti da uomini su uomini negli anni ’90 in Bosnia.

Il primo relatore ha introdotto Etty Hillesum e ci ha parlato di come questa ragazza di soli 27 anni, che desiderava essere un cuore pensante e fermamente credeva nel Bene, seppe squarciare il buio delle angosce e della disperazione reagendo alla persecuzione nazista con la rinuncia all’odio, consapevole però che per tale suo modo di sentire e pensare poteva essere considerata folle. Nei suoi quaderni e nelle sue lettere Etty racconta di cultura, di letteratura, di autori come Rilke, Sant’Agostino, Dostoevskij, di Dio, di come seppe intraprendere un percorso con Lui, anche grazie a Julius Spier, potendo così far emergere la donna che era già, anche se inconsapevolmente: seppe far diventare “la sua vita un’unica lunga passeggiata”. E scrive di Amore in ogni sua accezione: da quello fisico e sentimentale per Spier a quello per Dio, che pervaderà le ultime pagine del suo diario, abbracciando l’Amore per l'umanità, evidenziando così la sua capacità di amare in modo assoluto il suo prossimo. Rifiutò l’aiuto degli amici e seguì il suo destino: salì con la famiglia su quel maledetto vagone per ritrovarsi ad Auschwitz dove morì il 30 novembre 1943, come affermato dalla Croce Rossa. Il buio che Etty cercò di illuminare, però, tornò e sta tornando sul territorio europeo. Ci si era illusi che, dopo la seconda guerra mondiale, mai più un conflitto sarebbe scoppiato sul suolo europeo e invece… Invece la storia assurdamente si ripete. Si credeva di poter vivere nella pace e nel rispetto, ma eccoci a fare nuovamente i conti con un nuovo conflitto, questa volta tra Russia e Ucraina.

Sarajevo, Pristina e le altre città balcaniche sostituite da Kiev, Mariupol, il Dniepr al posto della Drina, già confine nel 395 d.C. (anno della morte dell’imperatore Teodosio) tra Impero Impero Romano d’Occidente e d’Oriente… sembra un dejà-vu, sembra che le lancette dell’orologio della storia corrano indietro...

La Dr.sa Kanita Foçak, accompagnata dal Dr. Franco Chittolina, ha svelato - attraverso parole che hanno dato vita ad un racconto tremendo che ha intensamente commosso il vasto pubblico - i segreti, gli orrori, le difficoltà di ciò che lei, la sua famiglia e tutti i suoi compatrioti, hanno vissuto in quei dolorosi quattro anni, quando le bombe hanno ucciso più di quattordicimila persone, tra cui  tanti bambini innocenti, e di quando un colpo di mitragliatrice di contraerea non solo distrusse la sua casa, ma uccise suo marito. Inizialmente sembravano esercitazioni, ma poi è stata la follia umana, quella cattiva, quella dell’odio a dirigere gli eventi: perché le “guerre sono sporche”, come l’animo di una certa classe dirigente. Furono quattro anni senza luce, senza gas, senz’acqua, senza posta: in condizioni di vita ai limiti della sopravvivenza. L’assedio di Sarajevo durò più di quello di Stalingrado, è una pagina atroce della storia europea di soli trent’anni fa: tutti dovrebbero conoscerla e meditarvi sopra. E invece…

La nostra Europa, nata dalle macerie della Seconda Guerra Mondiale, dovrebbe fare tesoro del suo passato e lavorare ogni giorno per il miglioramento di quelle soluzioni che legittimano le istituzioni democratiche, al fine di impedire una ricaduta nel virus della follia delle guerre.

Come affermava Friedrick Hegel: “Tutto ciò che l’uomo ha imparato dalla storia, è che dalla storia l’uomo non ha imparato niente”. La storia è una grande maestra di vita, sono gli uomini ad essere “folli” alunni che non vogliono imparare.

                                                   Noemi Minetti, 5 A

   

News

Latinisti Monregalesi

In Italia, organizzate dal Ministero dell’Istruzione nel quadro delle prove di eccellenza, e sotto l’egida della Consulta Universitaria di Studi Latini, si svolgono le certificazioni di lingua latina, che dal 2018 si tengono in Piemonte, con l’intervento dell’Ufficio Scolastico Regionale e delle Università di Torino e del Piemonte Orientale.

Leggi tutto...

Staffetta narrativa al Liceo

Giallo al liceo: si è conclusa la prima staffetta narrativa del biennio del Vasco Beccaria Govone.

Leggi tutto...

I ragazzi del Liceo Economico Sociale e delle Scienze Umane incontrano gli Avvocati

Si è conclusa il 13 maggio la seconda edizione, questa volta in presenza, del “Progetto Legalità” che, grazie ad una convenzione stipulata tra il nostro Istituto e l’Ordine degli Avvocati della Provincia di Cuneo e alla collaborazione dell’ANPAL servizi, ha permesso a 10 Avvocati di incontrare 18 alunni delle classi quarte e quinte del Liceo Economico e Sociale e delle quinte del Liceo delle Scienze Umane.

Leggi tutto...

News Eventi

Le luci si accendono, il sipario si alza: finalmente torna la notte del Liceo Classico!

Un grigio e piovoso pomeriggio di uno strano maggio ha compreso non solo l’atteso riaccendersi di una sfavillante notte del Liceo Classico in presenza (finalmente!), ma anche la gioia di un’intera comunità che ha avuto occasione di ritrovarsi.

Leggi tutto...

Notte del Liceo Classico - edizione 2022

Momenti di colto diletto e dilettosa cultura, tra citazione, giochi e quanto più allieta le curiose menti. 

AULA MAGNA "Paolo Borsellino" - ISTITUTO ALBERGHIERO "GIOLITTI" 

Venerdì 6 maggio 2022, ore 18 – 23

Leggi tutto...

Pomeriggio di debate cittadino

Martedì 12 aprile a partire dalle ore 14 si svolgerà presso il Liceo “Vasco Beccaria Govone” un pomeriggio di debate cittadino nell’ambito del progetto “Attuiamo la Costituzione”.

Leggi tutto...

News Convegni

Convegno AICC - La forza delle parole

La forza delle parole

Nell’autunnale pomeriggio di giovedì 17 novembre l’Aula Magna della Scuola Comunale di Musica del comune di Mondovì ha accolto gli spettatori dell’ultimo, coinvolgente incontro del ciclo “I mondi della follia”, organizzato dalla Delegazione di Cuneo dell’A.I.C.C.

Leggi tutto...

La follia - tra caso, coscienza, ragione ed emozioni - Convegno AICC 10 novembre 2022

La follia -  tra caso, coscienza, ragione ed emozioni.

 In un tiepido pomeriggio di novembre, illuminata dai raggi del sole, l’Aula Magna della Scuola Comunale di Musica di Mondovì ha riaccolto il secondo incontro del ciclo di conferenze “I mondi della follia”.

Leggi tutto...

Cuore pensante - Convegno AICC del 3 novembre 2022

L’accogliente Aula Magna della Scuola Comunale di Musica di Mondovì lo scorso 3 novembre ha ospitato la prima delle tre giornate della Sessione Autunnale del Convegno AICC dedicato a “I mondi della follia”, in collaborazione con A.P.I.C.E., Liceo Statale Vasco-Beccaria-Govone, Centro Studi Monregalesi e’Associazione Culturale “Gli Spigolatori” e col patrocinio della Città di Mondovì.

Leggi tutto...

Torna su