Visite: 330

Balconi di tutta Italia uniti nel nome della scienza. Nelle sere di lunedì 23martedì 24 e mercoledì 25 marzo alle 21, tutti i cittadini volonterosi possono darsi appuntamento sul balcone o alla finestra per misurare la luminosità del cielo notturno sopra la propria abitazione. Che siate utenti Androd o iOS, sul sito dell’iniziativa trovate tutte le istruzioni per partecipare a questo insolito esperimento di scienza partecipata.

È necessario installare sul proprio smartphone un’applicazione gratuita, spegnere le luci, affacciarsi sul balcone e avviare l’applicazione orientando lo schermo verso l’alto. Penna e taccuino  alla mano, prendete nota della misura rilevata e riportatela sul sito del progetto. Il modo migliore per partecipare è effettuare la misurazione tutte e tre le sere e trascrivere le misurazioni nell’apposito form entro giovedì 26 marzo. Grazie alle rilevazioni raccolte in ogni angolo della penisola isole comprese, sarà possibile ricostruire una mappa dell’inquinamento luminoso in Italia e contribuire così a produrre una pubblicazione scientifica sull’argomento.

Negli ultimi decenni si è registrato un costante incremento della luce presente nell’ambiente notturno dovuto all’eccessiva illuminazione artificiale delle città: una vera e propria forma di inquinamento, come spesso ricorda la comunità degli astronomi, che non solo compromette la nostra visione dell’universo ma rappresenta anche un problema ambientale, economico, di sicurezza e di salute pubblica.

In linea con il paradigma della citizen science, il progetto #scienzasulbalcone rivolge alla popolazione un invito a partecipare in modo concreto a un progetto di ricerca e rendere possibile una vasta raccolta di dati altrimenti irrealizzabile. E approfittare di questo momento in cui si è in casa per fare qualcosa di utile e significativo per la comunità scientifica e la collettività partecipando a un progetto scientifico di alto impatto sociale, è senz’altro un’ottima idea. 

Torna su