Abbiamo 287 visitatori e nessun utente online

Molto vari e ricchi di spunti pluri ed interdisciplinari i due pomeriggi di martedì 22 ottobre e di giovedì 24 ottobre, quando nell’Aula Bruno del Liceo “Vasco-Beccari-Govone” si è tenuta la Sessione Autunnale del Convegno AICC dedicato a Il senso della storia.

Ha aperto i lavori l’articolato intervento del Prof. Luca Maddaloni, Storie a doppia elica: una riuscitissima esemplificazione di come la “scienza” contaminata dalla “narrazione” possa raggiungere un pubblico più vasto e di come il sapere umanistico e quello scientifico possano, anzi a parer mio, debbano dialogare tra loro.

Fornire, infatti, informazioni storiche sulla scoperta del DNA e, soprattutto, indagare sui caratteri dei due scopritori (James Watson e Francis Crick), sul loro rapporto interpersonale e su quello con la comunità scientifica del tempo è il modo migliore per fa comprendere la rivoluzionaria novità che tutto ciò rappresentò e ancora rappresenta: la scoperta, infatti, fu annunciata il 28 febbraio 1952, ma fu pubblicata l’anno dopo, il 25 aprile 1953, con un succinto articolo (ed è importante anche fornire questa documentazione, leggere quel testo: un po’ di filologia non guasta mai!) su Nature.

Il crisma del pieno riconoscimento avvenne però solo quasi un decennio dopo, col conferimento del Premio Nobel per la Medicina nel 1962 ad entrambi gli scienziati, le cui personalità sono state brillantemente esplorate nel corso dell’esposizione: non godevano, a dire il vero, di una grande reputazione, se furono definiti: due chiacchieroni che passavano il tempo a ciarlare e a bere più che a fare esperimenti.

Un rapporto complesso, il loro, condito anche da un’indispensabile dose di emulazione e dalla riuscita combinazione, come è stato felicemente detto, tra un “radar” e un “laser”. Interessante anche l’esplorazione dei rapporti coi maggiori esponenti della comunità scientifica di quel tempo, con Linus Pauling, Erwin Chargaff, Maurice Wilkins e, soprattutto, con Rosalind Franklin, l’unica donna ammessa e in fondo mal sopportata in quella sorta di esclusivissimo androceo.

Dalla storia di una delle più importanti scoperte recenti della biologia siamo passati alla storia della decifrazione del Lineare A da parte di due giovani docenti e ricercatori, Laura Bellani e Duccio Chiapello, che con entusiasmo e notevole coraggio sono andati contro l’idea dominante che tale scrittura nulla abbia a che fare con l’antico greco, ma anzi hanno sostenuto, con esempi particolarmente convincenti, che anche quella scrittura rimanda al greco.

In un’efficace relazione a due voci, siamo stati informati della loro recente pubblicazione (agosto 2018 per Aracne Ed.): La decifrazione della Lineare A, che certamente merita una maggiore eco anche nella comunità accademica.

Ha chiuso i lavori del primo pomeriggio l’appassionata relazione della Prof.ssa Carla Rossi, dal titolo: Il senso della storia intrinseco all’arte: tempi e tempeste. La relatrice ha colto, con chiarezza e con grande cura nella selezione delle opere e degli autori proposti, la polivalenza dell’arte nei confronti della storia: da riproduzione ad esaltazione a critica.

Ci ha fornito una ricca panoramica, partendo dal simbolismo delle pitture rupestri del Paleolitico all’arte romana (l’Ara Pacis e la Colonna Traiana, straordinarie opere di propaganda politica) e dall’arte medievale e rinascimentale (Ambrogio Lorenzetti e l’Allegoria del Buon Governo; Paolo Uccello e La battaglia di San Romano; Andrea Mantegna e La camera degli sposi) al Seicento votato all’esaltazione del cattolicesimo (Gian Lorenzo Bernini) e dal Neoclassicimo di Jacques-Louis David al Romanticismo di Francesco Hayez, sino ad arrivare a tempi più vicini a noi con I funerali dell’anarchico Galli (1911) di Carlo Carrà e all’ “arte del littorio” e il monumentalismo di Marcello Piacentini.

Le opere sono state commentate con efficace sintesi, ognuna avrebbe certamente meritato più tempo: ma finalità essenziale di tale Convegno non è la trattazione esaustiva, ma fornire spunti interpretativi e stimoli alla personale esplorazione e riflessione.

È stata Gabriella Mongardi ad aprire il pomeriggio di giovedì 24 ottobre, approfondendo la relazione tra letteratura e storia in Irène Némirovsky, scrittrice francese di origine ebraica, vittima della Shoah. Un intervento che ha collocato nell’ambito del romanzo storico - che in Italia ha tra i suoi massimi esponenti il Manzoni - due capolavori della Némirovsky.

Da una parte I cani e i lupi, storia di ebrei e di artisti, narrazione di esuli vittime dell’ineluttabilità del destino; dall’altra I doni della vita, opera che fa vivere al lettore entrambe le guerre mondiali, con la tragedia di quella doppia sofferenza, cercando di resistere all’assurda distruttività della storia. (per un approfondimento: http://www.margutte.com/?p=31204).

L’immersione “nel corpo della storia” è stata affidata a Fulvia Giacosa, in continuità cronologica con l’intervento di Carla Rossi. Un viaggio nell’arte dal Novecento in poi, partendo dalle osservazioni di Walter Benjamin, nelle varie modalità con cui si è cercato di raccontare l’indicibile delle guerre mondiali, dei conflitti in Vietnam e in Corea, dell’oblio dei diritti umani, dei cataclismi e delle tragedie della modernità.

Una panoramica da Otto Dix (Pragerstrasse), a Picasso (Guernica), da Arman a Kiefer, da Salcedo a Burri; un excursus tra quadri, installazioni e fotografie, con temi e suggestioni prettamente novecentesche: l’assenza più importante della presenza (in letteratura sorge spontaneo il riferimento all’ultimo Montale); il dovere della memoria e la costruzione della durata (e come non pensare a Primo Levi?); la distinzione tra “cronaca” e “storia”.

Anche qui è stata pregevole la capacità di sintesi, la perfetta focalizzazione dei contenuti e l’esposizione appassionata della relatrice.

Così come la biologia ha iniziato la Sessione Autunnale, è toccato alla fisica concluderla, con un’altra relazione a due voci, il Prof. Matteo Leone e la Dr.ssa Marta Rinaudo, coi quali si è ormai consolidata un’importante collaborazione grazie alla loro costante e gradita partecipazione al Convegno Beccaria, di cui quest’anno si è appena tenuta la IV edizione presso il “Liceo Vasco Beccaria Govone” di Mondovì: anche in questo caso si è trattato della felice contaminazione, o meglio forse sarebbe definirla “sinergia”, tra la trattazione storica e l’esposizione delle scoperte scientifiche.

Il primo relatore ha particolarmente insistito sulla science education e ha proposto la lettura di brani (anche qui, l’attenzione filologica ai testi!) in cui si sostiene la necessità di sfoltire il programma di fisica, di essere meno angosciati (come invece sono troppi docenti, e non solo di fisica!) dall’imperativo categorico di esaurire tutto il programma e di operare invece delle scelte, anche drastiche, e privilegiare la contestualizzazione storica e la discussione concettuale, ponendo domande e ricorrendo più all’induzione che alla deduzione: modernizzare la didattica (di tutte le discipline) vuol dire ridurre (non eliminare) il tempo della lezione frontale e aumentare quello del laboratorio e dell’interazione coi discenti.

Perfettamente funzionale alla tesi sostenuta l’esemplificazione del principio di Archimede, da Galileo a Torricelli a Pascal. Discende da tale impostazione l’intervento della Dr.ssa Rinaudo, che propone di utilizzare – laddove è possibile, e va detto che a Mondovì col MUBEC del Liceo si è in condizioni particolarmente propizie – per l’insegnamento della fisica anche gli strumenti storici, beninteso se essi sono a disposizione: ciò è fattibile in alcuni Licei Classici delle province di Cuneo e di Torino e certamente consente un maggior grado di interesse e di coinvolgimento da parte di coloro che a tali esperimenti possono assistere.

Come si può constatare, quindi,  discutere del “senso della storia” non è solo un tema per addetti ai lavori, ma, adeguatamente compreso, permette di rendersi conto di quanto l’eliminazione o la forte riduzione di ciò si trasformi ipso facto in un’operazione deleteria a più livelli e per tutte le discipline, non solo quelle umanistiche.

Di senso della storia abbiamo tutti sempre e comunque bisogno.

                                                                           Stefano Casarino & Paolo Giacosa

News

scienza_balcone

#scienzasulbalcone

Balconi di tutta Italia uniti nel nome della scienza. Nelle sere di lunedì 23martedì 24 e mercoledì 25 marzo alle 21, tutti i cittadini volonterosi possono darsi appuntamento sul balcone o alla finestra per misurare la luminosità del cielo notturno sopra la propria abitazione. Che siate utenti Androd o iOS, sul sito dell’iniziativa trovate tutte le istruzioni per partecipare a questo insolito esperimento di scienza partecipata.

Leggi tutto...
Come agiscono le mafie

"Come agiscono le mafie?" Incontro per le classi Terze

Sabato 15 febbraio le classi Terze del nostro Liceo hanno partecipato, nell’ambito del progetto di Educazione alla Salute, ad un’attività di Educazione alla Legalità. L’intervento, tenuto dall’avv. Valentina Sandroni dell’Associazione “Libera”, ha permesso agli studenti di approfondire le modalità di azione delle mafie.

Leggi tutto...
campus Einaudi

LES: Seminari didattici al campus "Einaudi" a Torino

Il 4 e il 12 febbraio gli studenti della 5A del Liceo Economico Sociale, accompagnati dal Prof. Bruno Jajani, si sono recati al Campus Universitario “Luigi Einaudi” di Torino per partecipare ai seminari didattici del Dipartimento di Economia e Statistica "S. Cognetti de Martiis" dell’Università di Torino, organizzati per i Licei Economico-Sociali di Piemonte e Valle d’Aosta.

Leggi tutto...

News Eventi

La notte del Liceo Classico 2020

La notte del Liceo Classico - edizione 2020

436 licei classici, decine di migliaia di studenti, centinaia di migliaia di visitatori.

Leggi tutto...
Lotta al doping al Liceo

Lotta al doping al Liceo

Mercoledì 5 febbraio le classi IV e V – e la classe IIIS del Liceo Scientifico Sportivo – del Liceo “Vasco-Beccaria-Govone” di Mondovì hanno partecipato alla conferenza sulla lotta al doping organizzata in collaborazione con la Fidal.

Leggi tutto...
 Debate al Liceo

Gara di Debate al Liceo

Nel pomeriggio di mercoledì 23 gennaio si è svolta, nelle aule del Liceo “Vasco Beccaria Govone”, una gara di Debate.

Leggi tutto...

News Convegni

Piccolo è (ancora) bello

Piccolo è (ancora) bello: la riscoperta della dimensione umana del progresso

Tecnologia e umanità, è questo il binomio affrontato dal prof. Walter Franco del Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Aerospaziale del Politecnico di Torino durante la conferenza “Piccolo è (ancora) bello”, all’interno del Percorso “Le città nella città” del Liceo “Vasco Beccaria Govone”, nell’ambito del Progetto “Educazione alla Bellezza” promosso dalla Fondazione CRC (rappresentata dalle Consigliere Giuliana Turco ed Elda Lombardi).

Leggi tutto...

Torna su